by

ancora dai Diari


 


Giù in strada postini ovunque sotto la pioggia, con le loro camicie celesti a maniche corte e i berretti profetici. Oh, arrivasse una parola, una parola trasfiguratrice. Sono regredita, ma sto tornando al punto in cui il mio Io e il mio bisogno di affermare pubblicamente le sue Capacità di Successo si allontanano e si dissolvono, e il mondo, con la mia grande curiosità di conoscerlo e il mio bisogno di osservare clinicamente il dolore, la sofferenza, la gelosia, la conversazione, si riaffacciano mentre io, questo limitante muro bianco, non ho importanza.


1959


 


Come farò a entrare nel mondo giusto e carico di frutti della maturità. Se non lavoro. A liberarmi degli dèi accusatori, mai contenti, che mi circondano come una corona di spine. A dimenticarmi, dimenticare me stessa. A diventare un veicolo del mondo, una lingua, una voce. Ad abbandonare il mio io.


1959

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: