Archive for 6 aprile 2005

6 aprile 2005

Se al rosso si chiede d’essere profondo…

L’ occhio è attratto dai colori chiari, soprattutto dai più chiari e dai più caldi: il rosso cinabro attrae ed eccita come la fiamma, che ha sempre affascinato l’uomo. Il squillante ferisce a lungo l’occhio, come un acuto squillo di tromba ferisce l’orecchio. L’occhio diventa irrequieto, non riesce a fissarlo, e cerca profondità o riposo nel blu o nel verde.  […] il rosso, essendo il colore della fiamma, potrebbe provocare un’emozione mentale simile alla fiamma. Il rosso fiamma ha un effetto eccitante che può perfino provocare sofferenza, forse perché assomiglia al sangue. In questo caso risveglia il ricordo di un elemento fisico che indubbiamente fa soffrire.

 Vassily Kandinsky, Lo spirituale nell’arte, SE 1989

w

Neanche c’era da pensare ai colori salmone, granoturco; né ai rosa: l’effeminatezza di queste tinte contraria i propositi d’isolamento. Non c’era infine da prendere in considerazione i violetti, i quali si spogliano: solo il rosso che contengono viene a galla la sera; e che rosso! un rosso vischioso, la feccia d’un vino ignobile. Giudicava d’altronde affatto inutile ricorrere a questo colore quando, ingerendo una certa dose di santonina, si vede violetto: ciò che rende agevole mutare, lasciandole al loro posto, la tinta delle tappezzerie.
Scartati questi colori, non ne rimanevano che tre: il rosso, l’arancione, il giallo.
A tutti preferiva l’arancione. Trovava così in se stesso conferma ad una teoria ch’egli dichiarava pressoché matematicamente esatta: che una armonia, una rispondenza esiste tra la natura sensuale d’un vero artista ed il colore che i suoi occhi apprezzano meglio e cui sono più sensibili.
Trascurando infatti la grande maggioranza degli uomini che han la retina così grossolana da non apprezzare né la cadenza propria a ogni colore né l’arcano fascino delle gradazioni e delle sfumature; trascurando del pari l’occhio del borghese, insensibile alla pompa e al vittorioso squillo dei toni alti e vibranti; non prendendo in considerazione che gli individui dalla pupilla squisita, educata dalla letteratura e dall’arte, gli pareva fuori dubbio che l’occhio di quello fra di essi che sogna l’ideale, che reclama delle illusioni, che implora dei veli nei tramonti, è di solito accarezzato dall’azzurro e dai colori che ne derivano, quale il malva, il lilla, il grigio perla: purché tuttavia essi restino tenui e non varchino il limite oltre il quale divengon altri, si trasformano in violetti puri, in meri grigi.
Quelli invece che procedono a passo di carica, i pletorici, i bei sanguigni, i solidi maschi che disdegnano i preludi e gli intermezzi e s’avventano perdendo subito la testa, per la maggior parte costoro applaudono ai luccichii sfacciati dei gialli e dei rossi, ai colpi di tamburo dei cinabri e dei cromi che li accecano e li sborniano.
Insomma, l’occhio delle persone deboli e nervose che han bisogno, per risvegliare l’appetito, di cibi affumicati o piccanti; l’occhio di chi è sovreccitato ed estenuato predilige, quasi sempre, l’arancione: questo colore dagli splendori fittizi, dalle febbri acide.
La scelta di Des Esseintes non lasciava dunque adito a dubbi; ma innegabili difficoltà si presentavano ancora. Se il rosso e il giallo s’esaltano alla luce, lo stesso non sempre si può dire del loro composto, l’arancione: che si tramuta ben spesso in rosso-nasturzio, in rosso-fuoco.
Alla luce delle candele studiò tutte le sue gradazioni e ne scoperse una che gli parve non dovesse subire squilibri ed eludere la sua attesa.

J,K. Huysmans, Controcorrente, dal Capitolo 1

6 aprile 2005

Dentro il risveglio

Quando non dormi, o dormi troppo poco, per tante notti di seguito, quella notte che finalmente t’abbandoni diventa interminabile. Un piacere di culla, di dondolamento, dormiveglia di risvegli e di consapevolezza che è ancora presto, i cicli d’euforia e di decadimento delle energie, e moltro altro, finché non ti alzi per scelta o dovere, poi la colazione. Un vuoto, piacevole assenza o necessità di presenza, t’accompagna, e se respiri a pieni polmoni, tutto ciò che hai dentro è voglia di essere.