Archive for 18 aprile 2007

18 aprile 2007

Nero su bianco

nero su bianco bianco
non oscurità vaga
nero definito, nero concentrato
bianco cristallino
sartiame, una linea di terra
chiodi, fili metallici
linee vive, atti di linguaggio
costellazioni di nero
di contro a “vite non vissute” (che passano
ripassano, languiscono
rinvigoriscono insensatamente)
energia, gioiosa, terribile, rara,
una speranza, tracciata dall’uomo.

Denise Levertov, Disegni a inchiostro

Ancora oggi non ho capito come funzionasse quell’arnese, ma il caso volle che lo strinsi così tanto che la parte di gomma finì per scoppiare, e un rigagnolo di macchioline nere arrivò immediatamente fino ai miei gomiti. Formò laghi e fiumi sui fogli del mio scrittoio, e fu lì che per la prima volta vidi l’inchiostro fresco, nero, profumato, brillare sul bianco. L’odore dell’inchiostro mi diede alla testa. In quel momento non mi importava che si macchiasse tutto, la ramanzina sarebbe arrivata solo più tardi. Feci scorrere l’inchiostro sul foglio, inclinandolo, lasciando che fluttuasse per quelle valli come sangue. L’inchiostro era il sangue del foglio. La mia felicità, fino ad allora, erano stati i libri, ma in quel momento capii che quello che mi piaceva davvero erano le parole fissate con l’inchiostro. L’inchiostro trasformava le lettere in qualcosa di duraturo, che fosse a mano, con la penna, o sulla pagina di un giornale.

Imma Turbau, Il gioco dell’impiccato