by

Il sogno di una notte di mezza estate di Montale

PUCK
Rugge il leone affamato,
il lupo alla luna ùlula
e russa l’aratore che ha passato
il giorno sul lavoro.
Ora i tizzoni consumati splendono
ed uno strider di civetta sale
al cielo, e al poveretto che languisce
in miseria, ricorda il funerale.
Ecco l’ore notturne
in cui le tombe s’aprono e i fantasmi
scivolan via dall’urne
dei camposanti.
E noi spiriti erranti
che dietro il carro di Ecate, la tripla,
fuggiamo il sole ed inseguiamo il sogno
notturni incanti,
noi siamo allegri, oggi. Nessun topo
turberà questa casa consacrata:
io stesso resterò qui sulla porta
con la granata.

Eugenio Montale, "Coro (Puck)", Quaderno di traduzioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: