by

Graziani fa il consuntivo

Altro anno. Alcune considerazioni di pancia.
In libreria è stato l’anno della Meyer e di Larsson. Grazie alla Meyer è cominciata la pubblicazione di una valanga di vampiri e saghe vampiresche. Grazie a Larsson si è cominciato a guardare e a vendere i gialli nordici. Mankell su tutti, tra l’altro bravissimo. In entrambi i "casi" ci sono due case editrici medie: Fazi e Marsilio. Qui c’è un progetto dietro. E anche pazienza, soprattutto per la seconda.
Ottimamente Arcana. Si è sbrogliata di dosso tutto il resto, collane underground e varie, e ha ricominciato a essere un riferimento musicale. Ha ripreso un discorso di catalogo. Catalogo, che è sempre stata la sua ricchezza. Anche qui c’è stata una mente dietro. Prenotazioni alte, venduto buono.
Leggerissimo avanzamento di Elliot, soprattutto per quel che riguarda il posizionamento in libreria. Comincia a riconoscersi il marchio.
minimum fax: Revolutionary road. Grazie al (bellissimo) film, questo capolavoro è stato sdoganato. Con esso tutto Yates, ma soprattutto tutta la collana classic. La solitudine del maratoneta, grazie a Revolutionary, ha avuto numeri da classifica. Al contrario avrebbe vivacchiato. Per il resto solita minimum. Grandissimo ufficio stampa.
Gallucci ormai è considerata dai librai una sicurezza.
In futuro le librerie saranno sempre più proiettate verso il mercato ragazzi e Gallucci appunto ne è parte fondamentale. Fa numeri da capogiro, da non credere. Grandi idee, libri bellissimi. Malino l’ufficio stampa in proporzione. Tenuto conto chi è lui e gli autori che ha. Fa le cose grosse, ma non la massa. Ha la fortuna che per quei reparti l’ufficio stampa conta meno. Contano più i librai, più che in altri settori.
Castelvecchi vende i libri scelti da Alberto.
Nutrimenti comincia a fare qualche numero con la narrativa. Di gran livello. Forse troppo. Ferito è un esempio in questo senso. Il libro più fruibile di Everett, non il più bello, ha venduto e ha avuto consensi. Gli manca una spinta commerciale, in libreria è ancora poco presente. C’è bisogno di tempo e di un colpo a sorpresa.
e/o: anno di transizione dopo l’abbuffata di ricci. Brutta, graficamente, la nuova collana di tascabili.

Libri dell’anno da portare in vacanza: Ero dietro di te (nottetempo) di Fargues e Zia Mame (Adelphi) di Dennis.

Disco dell’anno è un disco vecchissimo, ma che qui causa morte è tornato in vetrina. Off the wall di Michael. Un disco assurdo, da portare nelle scuole.

Buone vacanze, anche quest’anno mi sono divertito tanto…

Pubblicità

Una Risposta to “”

  1. grassi Says:

    sono d’accordo con te per zia mame come libro dell’anno. divino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: