by

C’è ancora del cammino da fare

post118_Bronstein

Paula Bronstein, Neena Sasaki, cinque anni, porta via le proprie cose dalla sua casa a Rikuzentakata, Giappone, marzo 2011.
 

Questo momento è un punto di svolta per il Giappone. Ognuno vive l’evento a modo proprio. Ma chi conosce la vera disperazione, chi ha avuto l’esperienza di volgere lo sguardo al cielo e urlare (anche senza voce) a Dio «ma perché io?», sa cos’è l’essenza della vita.
I numeri dei morti crescono a velocità spaventosa. Spero tanto che non abbiano sofferto molto. Immagino che sulla strada per il paradiso ci sarà tanto traffico. La vita è una palestra dove si imparano molte cose, attraverso esperienze purtroppo non sempre divertenti. Ho sempre provato un po’ d’invidia per chi ha già finito questa palestra, ma per me c’è ancora del cammino da fare e non mi resta che proseguirlo, mi dico sempre.

Da “Diario di Kyoto”, Naoko Okada, XL 14 marzo 2011.
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: