I conti prima o poi si pagano

by

“Non ha funzionato. Tutto è marcito. Ogni progetto è in briciole” […]

In attesa della fine del mondo, un uomo si è chiuso in casa per sette anni. Adesso che con la guerra atomica la fine arriva davvero, l’uomo esce nell’orto e quasi cieco per la luce s’inginocchia a preare Dio che prenda lui ma salvi suo figlio. Poi crolla sul prato e s’addormenta. Al risveglio ogni cosa è intatta. Nessun aereo vola minaccioso in cielo. Non suonano allarmi lontano, né colpi di cannone. Il tempo è tornato indietro. L’umanità è salva, così suo figlio. Ma lui ora deve pagare il debito.

Davide Orecchio, da “Un esilio”, Città distrutte, Gaffi

 

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: