Le interviste della quarta serata di 8×8 — Giulia Muscatelli

by

immagine_intervista_giulia-muscatelli_8x8_2014

Prima

Cosa ti aspetti dalla serata e dalla partecipazione a 8×8?
Mi aspetto qualcosa che conosco molto bene: l’ansia. L’ansia dell’attesa, quella del giudizio. L’ansia che proviene dal donare quello che sei, che per me coincide con la scrittura, nelle mani di chi non conosci.
E poi mi aspetto qualcosa di nuovo. La prima volta nella vita in cui attraverso il mio racconto ho finalmente l’occasione di dire “ehi gente questo è che quello che voglio fare!”. Mi aspetto di avere paura, di trovare persone accanto a me con le mani tremanti e gli occhi sgranati. Di riconoscermi.
E mi aspetto un bicchiere di vino prima, e perché no, magari due dopo.

Perché hai deciso di partecipare a 8×8?
Ho deciso di partecipare perché sono stanca di vedere i miei racconti solo sullo schermo del mio computer. Perché prima di ogni altra cosa mi piace raccontare storie, e fino a oggi le ho sempre lette per me, a un po’ di amici, persino al mio cane a volte. Voglio vedere l’effetto che fa avere degli sconosciuti davanti e provare a incuriosirli con le mie parole.
E voglio, banalmente, mettermi alla prova. Sentire cosa ne pensa la giuria della mia scrittura, capire quali sono i miei punti deboli e migliorare. Perché se è vero che non si finisce mai di imparare, da qualche parte bisogna pur cominciare; ecco, 8×8 mi è sembrato il giusto inizio.

Dopo

Come è andata?
È stata una serata surreale, divertente. Appena entrata nel locale ho cercato un bicchiere di vino e subito dopo individuato le vie di fuga. Ma quando ho trovato gli altri autori mi sono tranquillizzata.

L’esperienza di lettura aggiunge o toglie al tuo racconto?
Nel mio caso specifico penso tolga qualcosa, ma più che altro perché io non sono brava a leggere a voce alta. Conosco quasi a memoria le frasi dei miei racconti, conosco e vedo i miei personaggi quando parlano, ma se si tratta di presentarli al mondo attraverso la mia voce, allora credo di sminuirli.

Giuria di qualità e giuria popolare. Impressioni
Ho apprezzato molto i commenti della giuria di qualità. Le considerazioni di alcuni mi sono risuonate nella testa la notte e l’intero giorno successivo. Sono uscita dal locale con una gran voglia di scrivere. Per quanto riguarda la giuria popolare, credo sia fondamentale il parere del pubblico, ma il fatto che le serate si svolgano tutte nella stessa città, penso penalizzi chi viene da fuori.

Vuoi continuare a investire sulla scrittura?
Non potrei mai smettere di scrivere, non dopo aver deciso di dedicare i miei studi, il mio tempo, la mia vita quindi, proprio alla scrittura.
Investire non è però la mia parola. Nel mio caso credo si tratti più di “fare”; sedersi e fare.

Annunci

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: