Genio e talento

by

Lubitsch non era quello che uno scrittore definirebbe scrittore, e nemmeno perdeva tempo a cercare di diventarlo. Dubito che abbia mai cercato di ideare autonomamente una storia, un film, o anche una singola scena. Su tutto se stesso non nutriva né vanità né illusioni; era abbastanza scaltro da tenersi buoni gli scrittori, e accoglieva a braccia aperte i migliori disponibili, spronandoli a superare se stessi e nello stesso tempo collaborando con loro a ogni livello, anche se non saprei esattamente dire come e in che misura. So solo che valutava una scena, un film o un’interpretazione con l’occhio del genio. Un dono simile è molto più raro del semplice talento, che dilaga fra i mediocri.”

Samson Raphaelson, L’ultimo tocco di Lubitsch, Adelphi

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: