Sorelle che curano ferite

by

MF_SOT_CBENDER_LaMaestraDeiColori_STUDI.indd

Mia sorella ha avuto il lavoro. È lei quella che ha successo in tutto quello che fa. Ha frequentato due anni di medicina prima di mettersi in testa che voleva diventare una cucitrice provetta. (Cosa?, le hanno detto, il giorno che se n’è andata. Un chirurgo!, le hanno detto. Potresti diventare un chirurgo portentoso! Ma lei ha risposto che non le piaceva lavorare fin tardi, che verso mezzanotte si sentiva troppo stanca.) Ha una precisione incredibile nei piccoli movimenti, meglio di una macchina; sa rammendarti un fazzoletto talmente bene che nemmeno riesci a vedere i punti, come se fosse diventata tutt’uno con il fazzoletto. Una volta mi sono spaccata un labbro, saltando giù dall’albero, e lei me l’ha ricucito come niente fosse, con il ghiaccio e un ago che aveva disinfettato sulla fiamma. Non mi è rimasta la cicatrice quasi per niente, solo un’impercettibile traccia bianca.

Aimee Bender, “Ricucire le tigri”, La maestra dei colori, minimum fax

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: