Era un lavoro mal pagato ma lei era contenta

by

Félix Vallotton -- Schiavo d'amore di W. Somerset Maugham

Era separata dal marito e guadagnava da vivere per sé e la sua bambina scrivendo romanzetti rosa. C’erano un paio di editori specializzati in quel genere di letteratura, e il lavoro non le mancava. Era un lavoro mal pagato, le davano quindici sterline per una storia di trentamila parole, ma lei era contenta.
“Dopotutto, ai lettori costano solo due pence,” diceva “e a loro piace sempre la stessa roba. Cambio solo i nomi ed è fatta. Quando sono stanca penso al bucato, all’affitto e ai panni della bimba e ricomincio”.
Inoltre le capitava di fare la comparsa in vari teatri […]. Philip aveva interesse per quella vita precaria, e rideva ai fantastici racconti delle sue battaglie. Le chiese perché non tentasse un lavoro letterario di più alto livello, ma lei sapeva di non avere talento, e la robaccia che sfornava a tante migliaia di parole non solo era pagata passabilmente, ma era il meglio che potesse fare. Non aveva altra prospettiva che continuare la vita che conduceva. Sembrava sola al mondo, e i suoi amici erano poveri come lei.

W. Somerset Maugham, Schiavo d’amore, Adelphi, traduzione di Franco Salvatorelli

Annunci

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: