La biblioteca e i lettori di Zadie Smith

by

Zadie Smith

Dove scrive?
Generalmente in biblioteca. Qui a Londra lavoro alla Kilburn Library, ma non è il tipo di biblioteca dove la gente legge. Indosso le cuffie antirumore perché c’è chi è al telefono, chi guarda i video, ci sono i bambini che cantano, un gruppo che lavora a maglia. La settimana scorsa c’è stata una scazzottata. A volte la bibliotecaria mi chiede: “Stai scrivendo un libro, Zadie?”. Ci sto provando, rispondo.
Non sono felici di averla lì, non è una celeb?
La bibliotecaria sa chi sono, ma la gente qui non mi sembra particolarmente interessata ai libri, mi conoscono perché vivo in questa zona da sempre […].
Pensa di essere severa con sé stessa?
Sì, ma è normale per uno scrittore. Trovo difficile leggere quello che ho scritto in passato, non sempre mi convince.
Non le basta il giudizio di milioni di lettori?
Stesso discorso. Il sì di mille persone alla fine non conta quanto il no di un singolo lettore, sperduto nell’Iowa…

Zadie Smith, intervistata da Paola De Carolis per Io Donna, Corriere della Sera, 7 marzo 2015

Annunci

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: