La Vulva è soltanto carne da macello

by

Revaz -- Cuore di bestia

Poi una volta lì ci si apposta, e si verifica se è possibile entrare e se la Vulva si spoglia. Potrebbe perfino non essere male una volta tanto vederla nuda per intero e illuminare a giorno per prenderla in giro e dimostrarle che è stupida, che è grossa come una cicoria e magari perfino Georges non vorrà più abbracciarsela, ma si metterà a ridere con me, e scherzeremo, e rimetteremo la Vulva al suo posto, in cucina. Perché alla fin fine Georges è facile perdonarlo, se è d’accordo nel dire che la Vulva è soltanto carne da macello. Un bel pezzo di marcantonio come lui non deve sciuparsi con le donne e credere che portarle a letto sia un’occupazione felice. Forse si fa ancora in tempo a correggerlo, facendogli vedere come la Vulva lo mena per il naso col fascino del suo didietro e del resto.

Noëlle Revaz, Cuore di bestia, Keller, traduzione di Maurizia Balmelli

Annunci

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: