Essere giovani

by

14744324344.jpg

Ogni palla deve parere la luna. Ida invece doveva sapere ciò che presto doveva accadere.
Si può essere giovani così giovani da andare a fare il bagno e a nuotare. Ida lo era stata. Non proprio a nuotare una imparava e l’altro insegnava.
Questo voleva dire essere giovani a San Francisco e i bagni si chiamavano Lurline Baths. Ida era giovane e lui anche erano entrambi buoni tutti e due lei e lui le insegnva a nuotare, si chnò su di lei e le disse forza con le gambe la teneva sotto il mento e le stava ritto accanto, l’acqua non era profonda, e le disse forza i piedi lei obbedì e lui allora camminandole d’accanto la teneva sotto il mento, forza i piedi le diceva e coi piedi ella scalciava e con lui sempre vicino un gran calcio gli vibrò. Egli allora la lasciò urlando Cristo le mie palle andò a finire sott’acqua e lei pure, nessuno dei due affogò ma avrebbero potuto affogare benissimo.
Fatto strano, lei non pensava mai a Frank, così egli si chiamava, non le riusciva di ricordare il suo cognome, ma ogni qual volta sentiva odore di cipolle selvatiche si ricordava quando era andata sott’acqua e che nessuno dei due era affogato.
È difficile non essere state più giovani ma Ida quasi non era mai stata più giovane.

Gertrude Stein, Ida, Mondadori, traduzione di Giorgio Monicelli

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: