Posts Tagged ‘New York’

Ho sempre solo sognato la libertà

17 giugno 2016

attenberg_intervista_giu16_media.jpg

Abbiamo intervistato Jami Attenberg, autrice dei Middlestein e di Santa Mazie, pubblicati da Giuntina. La trovate qui.

Annunci

Dal diario di Mazie Phillips-Gordon

31 Mag 2016

9788880576501_0_170_0_75.jpg

Stamattina presto Rosie ha cercato di fare la carina con me. Un bel cambio rispetto alle urla, mi pare.
Lei: «Non vorresti un innamorato?».
Io: «Il mondo intero è il mio innamorato».

Jami Attenberh, Santa Mazie, Giuntina, traduzione di Paola Buscaglione Candela

Nella metropolitana di NY

30 luglio 2013

A Pax piaceva la metropolitana di quella città. Gli piacevano i suoi echi, il suo calore, le zaffate di marcio, la sua congrega di musicisti, sbandati e turisti, il modo in cui il suo tanfo che sa di uovo ti entra in bocca, entra in bocca a tutti. La forza democratizzante della metropolitana, la sua ineluttabile evocazione della morte che verrà per tutti noi, in qualche modo era rassicurante. Piastrella che trasuda. Cemento vischioso. Ratti enormi e tremanti con le code che sembrano l’antenna di una macchina. Pax restava sottoterra per giorni e giorni. Viaggiava. Camminava. Osservava. Gli piaceva aspettare sui marciapiedi, bloccato nella ressa, gli piaceva quel respirare e sudare collettivo, le facce che le persone facevano quando la folla le schiacciava – o meglio, gli piacevano le facce che le persone cercavano di nascondere, gli occhi distolti, le labbra strette, gli piaceva quando una faccia tradiva il suo proprietario. C’era una faccia che vedeva dappertutto. Quella di una ragazzina.

Sarah Braunstein, Il dolce sollievo della scomparsa, 66thand2nd