by

Calasso arriva da Bazlen
 
Ha conosciuto intellettuali come Roberto Bazlen, Roberto Calasso…

Bazlen non l’ho conosciuto negli ambienti universitari. Anzi, guai ad accostarlo all’università: lui la disprezzava. Era un vecchio signore che abitava in una stanzuccia dietro casa mia, quando vivevo in via del Babbuino a Roma. Era un personaggio da frequentare, assolutamente. Aveva estratto l’essenza da quel turbine di incontri e di scontri che poteva essere la società triestina.
Come lo ricorda?
Era perfettamente libero. E quindi valeva la pena ogni tanto andarlo a visitare, sentire di quali letture parlava, quali accostamenti inediti poteva evocare. Un giorno portai il giovane Roberto Calasso a trovarlo e, da allora, prese forma la casa editrice che forse valeva la pena di istituire: Adelphi.
 
Elémire Zolla, intervista di Alessandro Mezzena Lona

Nessuna Risposta to “”

  1. anonimo Says:

    A s-proposito. Oggi una fra le pause pranzo meglio spese della mia vita. A frugare col naso gli odori di libri vecchissimi accumulati uno addosso all’altro, libri dappertutto, libri di tutto. Non ho mangiato ma sono sazia. Francesca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: